Segui

"Ma perché non ti compri la macchina più grande?"

Per tre motivi:
1) Vivo in un centro storico e le strade sono limitate in larghezza. Se devo scaricare roba pensante davanti la porta di casa non devo fare le manovre delle navi da crociera.
2) L'auto, per me, non è una passione. È un mezzo che uso quando e dove serve. Mi basta che mi sposti da A a B quando altri mezzi non possono farlo.
3) Non devo compensare le misure del mio pene con chi mi guarda da fuori. Accetto il mio corpo così com'è.

@scapigliato

Quando qualche persona mi chiede perché non mi prendo una stescion uegon al posto della C1, visto che due o tre volte l'anno devo fare grossi carichi, rispondo che con quanto risparmio di benzina ci affitto per due o tre volte un Ducato.

@GustavinoBevilacqua @scapigliato e via così, di riduzione in riduzione, fino al minimalismo, come me: non ho l'auto e con quello che risparmio di assicurazione, bollo e benzina, quella volta in cui proprio non posso farne a meno noleggio ciò che serve (incluso un minivan per trasferta della squadra Lombardia-Puglia).

@Songase975 @GustavinoBevilacqua Disfarmi dell'auto sarebbe il mio sogno ma il problema è che rimarrei tagliato fuori dalla possibilità di andare nei paesi vicini quando ho voglia di uscire perché non esistono trasporti e/o trasporti serali alternativi

@scapigliato @GustavinoBevilacqua è chiaro che ciascuno deve agire valutando bene necessità e possibilità. Io spesso smadonno contro Trenord e i suoi ritardi, però i treni ci sono...
Resto convinta del fatto che una VERA transizione ecologica dovrebbe prevedere il potenziamento dei mezzi pubblici (treni, autobus, tram, metro, battelli) per consentire una reale diminuzione dell'inquinamento derivante dalle auto ma, ehi, siamo in Italia: basta il greenwashing.

@Songase975 @GustavinoBevilacqua Esatto. Molte volte vorrei spostarmi con mezzi diversi ma anche semplicemente uscire la sera nella mia provincia prevede che io debba tornare a casa prima delle 22:00 altrimenti dopo dormo in tenda.

@scapigliato @Songase975

Il mio vicino che guida bus dice che, anziché andare su e giù da solo per le vallate con una pesante corriera diesel da 3500 cc, che fa un fumo che sembra vada a legna (ma i collaudi li fa la Riviera Trasporti, quindi va bene), sarebbe meno inquinante se rimanesse in casa a suonare la chitarra e a andasse a prendere la gente in auto quando qualcuno gli telefona… un paio di volte a settimana max.

@GustavinoBevilacqua @Songase975 Be', ovviamente un mezzo vuoto è un mezzo inquinante. Sarebbe interessante capire come mai quella tratta è così poveri di passeggeri.

@scapigliato @Songase975

Nelle vallate non ci sta molta gente e usa l'auto perché gli orari¹ son sballati: se inizi il lavoro a Sanremo alle 9:30 non puoi prendere il bus a Triora alle 5:50 e stare dalle 7:10 alle 9:30 al bar.

E l'ultimo bus torna alle 18:25.

Se chiudi alle 19 che fai?

Ti rassegni a pagare a qualche merda un affitto che ti mangia ½ stipendio e lasci andare in malora la casa in vallata?

O t'improvvisi contadino?

¹ Orari bus prov. IM: rivieratrasporti.it/Upload/Ora

@GustavinoBevilacqua @Songase975 È una dinamica molto interessante. Ad esempio, qui da me, molte delle tratte dei bus sono costruite appositamente intorno agli orari delle aziende più grandi e le scuole. Se vuoi andare in zona ILVA hai un fottìo di pullman. Nn vedono l'ora di accompagnarti verso la morte.

@GustavinoBevilacqua @scapigliato non vorrei passare per complottista, ma se tratte ed orari sono studiati per disincentivare l'uso dei mezzi pubblici evidentemente si vuole incentivare qualcos'altro...

@Songase975 @scapigliato

Si vuole incentivare l'uso centralistico della città, perché gli amici hanno tanti appartamenti da affittare!

@Songase975 @GustavinoBevilacqua @scapigliato

beh, ma non è che facciano apposta a fare gli orari per disincentivare (di solito gli orari sono fatti per essere utili per i pochi orari in cui ci sono tanti passeggeri, appunto scuole e grandi aziende).

È che se su una strada ogni tanto incroci un'auto, non hai abbastanza persone che si spostano da quelle parti per riempire autobus abbastanza frequenti da essere utili per chi non va a scuola o nell'unica grande azienda di zona.

@valhalla @GustavinoBevilacqua @scapigliato non sono certa di aver ben compreso ciò che intendi, ma ti faccio un esempio concreto: a Tavernola è stato realizzato un parcheggio in prossimità del lago, affinché quanta più gente possibile potesse prendere bus e battelli per andare in centro a Como, MA, con l'11 che passa OGNI MEZZ'ORA e i biglietti dei battelli dal costo piuttosto elevato e non integrati con altri mezzi, di fatto è stato un flop.

@Songase975 @valhalla @scapigliato

Ogni mezz'ora?
Nelle vallate qui si è fortunati se le corriere passano ogni mezza giornata!

@GustavinoBevilacqua @valhalla @scapigliato nelle vallate, anche qui! Ricordo che un giorno avrei voluto andare a San Fedele Intelvi per un'escursione nella natura e qualche foto, ho guardato gli orari degli autobus e... ho lasciato perdere! Mi pare ci fossero qualcosa come cinque autobus distribuiti nell'arco della giornata.

@Songase975 @GustavinoBevilacqua @scapigliato

Ecco, no, quello è fare boicottaggio, quel parcheggio potrebbe avere come range di utenze tutto il lago + valli e un pezzo di svizzera, ci sarebbe abbastanza gente per riempire un autobus frequente.

Io pensavo alle corriere della val d'intelvi, ad esempio, che son sempre vuote, ma passano anche da strade dove non si può dire che ci sia traffico (a meno che “ho incrociato una corriera e ho dovuto fermarmi a farla passare” conti come traffico :D ), né popolazione a sufficienza per riempire abbastanza autobus per averne con frequenza usabile.

Val d'Intelvi che invece avrebbe potuto scender giù¹ in auto, lasciarla a Tavernola, e da li proseguire coi mezzi nelle zone trafficate.

¹ (il valligiano della val d'intelvi non scende, scende giù :D )

@valhalla @GustavinoBevilacqua @scapigliato esattamente quello che intendevo io, circa il boicottaggio.
Per quanto riguarda la Val d'Intelvi, sono d'accordo: certo, lì non c'è un'utenza tale da giustificare una corriera ogni quarto d'ora... Ciò nonostante credo che una miglior organizzazione del trasporto pubblico potrebbe agevolare/incentivare un turismo più sostenibile.

(Verissimo che il valligiano "scende giù", ma mi hai fatto ridere al ricordo 😃)

@Songase975 @valhalla @scapigliato

Anche qui i valligiani "scendono giù", e più o meno lo fanno in tutte le vallate alpine del Piemonte SW che conosco.

@GustavinoBevilacqua
È la soluzione che hanno messo su per le campagne della mia città. Due furgoncini e un numero di telefono, e i furgoncini portano la gente da casa loro alle fermate principali. Da qualche tempo c'è anche l'app.
@scapigliato @Songase975

@gelato_al_pollo @scapigliato @Songase975

Mi pare la soluzione migliore.
Volendo la si potrebbe affiancare alle corse per studenti e pendolari e offrire un servizio come si deve.

@scapigliato @GustavinoBevilacqua certo, ti capisco. Anche in Lombardia le cose non sono diverse, appena metti il naso fuori da Milano. Di fatto abbiamo politici che INCENTIVANO L'USO DELL'AUTO, salvo poi riempirsi la bocca di proclami per la salvaguardia dell'ambiente.

@Songase975 @GustavinoBevilacqua Esiste un termine inglese che riassume questa mentalità che si chiama "carbrain". In questi giorni leggevo articoli su delle ricerche (sul theguardian mi pare) che parlavano di come l'automobile e la sua cultura abbiano cambiato anche il modo di esprimerci e di pensare alla città. Oggettivamente noi abbiamo città auto-centriche ed è un male perché la città deve essere delle persone e non di oggetti fermi per il 90% della loro vita.

@scapigliato @Songase975

Circa 25 anni fa andammo in vacanza con mia moglie in Costa Brava (costa poco…).

All'epoca c'era l'autostrada litoranea che arrivava direttamente a Glóries¹, dove potevi lasciare l'auto in un megaparcheggio sotterraneo e prendere la metropolitana, senza andarti a infognare nel traffico urbano.

¹ it.wikipedia.org/wiki/Pla%C3%A

@scapigliato @Songase975

Il "carbrain" corrisponde alla necessità di ostentazione della società borghese-competitiva: riportava Patrizio Roversi in "Turisti per caso" che a Ushuaia (!!!) la gente "deve" andare a fare la passeggiata in centro in auto per farsi vedere.

@scapigliato esatto al 100%: abbiamo città a misura d'auto, non più d'uomo, basti pensare in quanti casi per andare a fare la spesa si renda indispensabile l'automobile.
@GustavinoBevilacqua

@scapigliato ero convinta che la domanda fosse “ma perché non ti sei comprato una macchina più piccola”

@valhalla Più piccolo della Peugeot 107 c'è solo il passeggino dei bambini.

@scapigliato @valhalla

Eppure nella C1 (che è la gemella) ci faccio stare quasi 1 metro cubo di fondi taglio di compensato…

Accedi per partecipare alla conversazione
Mastodon Social Italia

Benvenuto su Mastodon Italia! Qui potete leggere Chi Siamo

Mastodon è un Social Network federato. Ciò significa che nessuna singola entità controlla l'intera rete, piuttosto, come la posta elettronica, i volontari e le organizzazioni gestiscono i propri siti indipendenti nei quali gli utenti possono interagire tra loro anche se registrati in siti differenti. Mastodon.uno è la prima istanza generalista indirizzata ai soli utenti di lingua italiana che fa parte della federazione mastodon e rispetta i principi cardine dei social decentralizzati: indipendenti, etici, liberi, gratuiti e autogestiti dalla propria community.

Questa istanza italiana è stata creata per dare uno spazio libero di condivisione e discussione a tutti gli utenti italofoni, sebbene i messaggi possano anche essere scritti in altre lingue, questa istanza di Mastodon è riservata esclusivamente ai soli utenti italofoni. Se non volete un social network in cui Mark Zuckerberg o un altro CEO miliardario determini cosa potete pubblicare e quali post possano diventare popolari, Mastodon è una buona alternativa. Mastodon è costruito come una versione più etica di Twitter e al momento è il più grande social network decentralizzato.

Mastodon.uno è gestito dal gruppo Gruppo Devol, potete rimanere aggiornati su mastodon iscrivendovi alla Newsletter Devol ed al canale telegram Devol Italia dove verranno pubblicati i comunicati ufficiali.

Mastodon.uno si autofinanzia esclusivamente con le donazioni degli utenti utilizzando la piattaforma open Liberapay:


Benvenuti in una federazione di social dove gli inserzionisti non sono i padroni di casa.

Dove i vostri dati non sono confezionati e venduti.

Dove siete voi, non gli algoritmi, a decidere cosa vedere.

Dove puoi segnalare direttamente agli admin i contenuti ingannevoli.

Dove le azioni tossiche vengono tenute fuori.

Dove ti piace davvero passare il tempo.

Benvenuti sui social come dovrebbero essere.

Benvenuti su mastodon.uno.

Per sostenere mastodon si può anche offrire un caffè al gruppo devol che si occupa della gestione di questa istanza e di molte altre per garantire un futuro più libero e decentralizzato. E' possibile donare un caffè anonimamente senza l'obbligo di creare un account:


Oppure si possono fare donazioni con le criptomonete Bitcoin, Litecoin, Bitcoin Cash, Ethereum, Stellar Lumens, Monero:


Puoi supportare mastodon anche utilizzando il browser Brave, attivandone gli annunci e donando la criptomoneta BAT che puoi accumulare nell'utilizzo di tutti i giorni.


Un motore di ricerca decentralizzato e rispettoso della privacy come presearch può aiutare anche mastodon. Ad ogni ricerca accumulerai la criptomoneta PRE, al raggiungimento di 50 PRE, 25 verranno donati a mastodon se ti iscriverai cliccando qui sotto: presearch

Chi siamo e cos'è Mastodon