Sto provando il browser e relativo motore di ricerca duckduckGo, browser funziona bene, motore di ricerca così e così .. esperienze con motori di ricerca alternativi a Google? #privacy #web

@BingDog

Personalmente non uso google e i suoi servizi se non strettamente necessario (la mia scuola si è fatta uno spaio cloud su google grive; d'altronde ho gmail).

Per quel che riguarda la ricerca ti consiglio qwant www.qwant.com o qwant lite lite.qwant.com, se vuoi un motore di ricerca. Qwant è francese, è in territorio UE ed è sottoposto alle nostre normative sulla privacy. Il qwant principale ha anche tutta una serie di servizi interessanti.

Poi c'è anche Startpage (che preferisco).

Segui

@61ennepi

Per chi si ricorda il mitico motore di ricerca , oggi è attivo , che non è un motore indipendente, ma un servizio che cerca in e ti restituisce i risultati anonimizzando la tua ricerca (cioè google non vede chi sei) e impedendo la tua commerciale da parte del signor G. Ce ne sono molte in giro per il web (sono tutte provvisorie perché google banna gli IP).

Per avere devi passare da .

@BingDog

@morven @61ennepi @BingDog grazie! in verità alla fine riesce a bannare quasi tutte le istanze però si possono avere i risultati di senza pubblicità e anche di e moltissimi altri motori di ricerca nelle impostazioni

@morven @61ennepi @BingDog startpage era molto interessante ed usata ma ora praticamente ha usato la sua fama per fare un banale rebrand di Google. Paga Google per avere (quasi) la stessa SERP e mette pubblicità di Google, dice di non profilare i propri utenti e non registrare le ricerche fatte, mah, di fatto serve a mandare su Google anche chi non vuole usare Google.

@morven @61ennepi @BingDog l’ideale è usare searx con Qwant e mojeek che sono gli unici reali motori di ricerca europei che rispettano la privacy. Per ora su searx.devol.it è possibile aggiungere anche risultati Yahoo (bing) per affinare la ricerca finché dura, visto che bing e duck lo hanno già bloccato

@filippodb
Non potete instradare le ricerche SearX via TOR? Bannati anche gli IP di TOR, vero?
@61ennepi @BingDog

@morven @61ennepi @BingDog beh con tor non potrebbe avere il dominio diventerebbe un sito del dark web. Per avere una url serve un ip fisso. Ma comunque Se ne accorgono anche se cambiassi io ogni settimana ip. Google mi ha bloccato searx dalla prima ricerca....
però se cerchi video o documenti searx ti restituisce i link torrent per scaricarti film 😄

@filippodb @morven @BingDog

Grazie per l'indirizzo dell'istanza italiana di SearX. Su Startpage, che attualmente ancora uso, lessi tempo addietro una discussione online sulle pubblicità G. Credo (ma ovviamente non posso essrere sicuro) che quello ia il prezzo per non farsi bannare, purché riescano ad evitare profilazioni. Anche Startpage è basato in UE Olanda) e deve rispettare le nostre regole.

Cmq il problema con Qwant certamente non c'è sin dall'origine.

@61ennepi
@filippodb @BingDog

Beh, finché Startpage non profila a me sta bene che paghi la tangente a G., faccia rebranding e nel frattempo mi proponga gli annunci. Rispetto agli annunci, non me ne accorgo nemmeno, con un bion adblock sul browser.

@morven @61ennepi @BingDog in effetti dal punto di vista della privacy hai ragione, però di fatto foraggi un monopolista a discapito di soluzioni genuinamente rispettose della privacy

@filippodb @morven @BingDog

non sono sicuro che paghino Google, accettano però di veicolare la loro pubblicità (che può comunque essere ignorata). Mi pare che questi fossero più o meno i termini. Ho cercato di trovare quell'articolo che ricordo solo approssimativamente ma non ci sono riuscito. Continuerò a cercare per un po'. E comunque anche searx mojeek (grazie a tutti per la dritta :-) qwant e duckduckgo restano opzioni praticabili al contempo.

@filippodb @morven @BingDog

No, mi sbaglio io. Starpage paga Google per poterne utilizare le ricerche. Sta scritto in "learn more" in basso sotto la loro pagina.

"So we’re paying them to use their brilliant search results in order to remove all trackers and logs"

@61ennepi

Più che foraggiare il monopolista, gli porto traffico e spese sui server senza passargli il vero valore, il mio profilo.

Come per tutte le statistiche, la descrizione della popolazione è buona quando il campione è casuale, è rappresentativo anche se alcuni hanno fornito dati falsi. Non lo è più se un tot di soggetti rifiutano di rispondere. Quelli hanno caratteristiche particolari e non conoscibili da quel particolare strumento statistico.

@filippodb @BingDog

@morven @61ennepi @BingDog ogni ricerca che fai sono soldi che Google riceve dalla società che gestisce startpage, Google non lo freghi si fa pagare per ogni richiesta e chi fa il furbo lo banna (vedi searx). Addirittura anni fa c’erano dei software che “rubavano” le SERP da Google e Google bannava gli ip pubblici degli utenti. Peccato che gli ip sono condivisi da più clienti e capitava che migliaia di utenti di Fastweb venissero bloccati dal fare ricerche! 😄

@filippodb @morven @BingDog

Però mi sembra che qui si tratti di due piani separati: (1) G. vende servizi; (2) G. usa furbescamente i dati che gli vengono dalla vendita di servizi.

Pagare per (1) non mi sembra sia necessariamente ingiusto, nella misura che si riesca a stoppare il punto (2). E comunque nessuno mi impedisce di usare i motori di ricerca o gli aggregatori europei.

@61ennepi @morven @BingDog visto che ieri mi avete fatto girare le sfere con che faceva le bizze, capisco che Google non vada, ok ma & che si mettono a bloccare ? funzionavano sempre bene! Quindi oggi ho sistemato un po’ di rognette e voillà searx.devol.it ora restituisce di nuovo duck duck go & bing 👍😄

@BingDog @61ennepi @morven hehe, scusate ma anche noi siamo un po' alle prime armi nella gestione di un , sembra che ci sia un vero boom di ricerche su questi motori alternativi e se non configurati bene rischiano appunto di piantarsi, ma dagli errori impariamo sempre qualcosa, ora abbiamo risolto con duck bing, vedremo di ritornare ad avere accesso a che è una miniera di informazioni valide, istantaneamente disponibili.

@filippodb @61ennepi @morven scusa che? Fate un lavorone , per me alcune cose sono geroglifico 😅

@61ennepi @morven @BingDog c’è scritto che pagano Google nella home di startpage nel capitolo “How we made search private” e ovviamente Google si piglia pure i soldi dalle pubblicità (che rendono meno però perché non profilare) . Alla fine tutti contenti.
Anche ecosia fa lo stesso ma con i risultati di bing e donando una parte dei guadagni alla riforestazione

@filippodb @morven @61ennepi @BingDog
Da quasi un annetto utilizzo come predefinito sul mio PC e su tutti gli smartphone della membri della mia famiglia.
Certo, molto spesso se voglio ricercare in siti/forum di supporto devo formulare la richiesta in lingua inglese, ma per quasi tutto riesco ad eliminare Google.
E se non sono soddisfatto? Limito i danni con - nuova finestra anonima di e ricerca con BigG 😔.

@imaginweb @filippodb @morven @BingDog

Io ciò di cui ho un po' paura è la nazionalità di Duck Duck Go: è statunitense, quindi sottoposto alla giurisdizione di quel paese. Là le norme sulla privacy non sono stringenti (e non dico che il motore di ricerca non provi comunque a salvaguardarla); semplicemente le autorità hanno più margine di manovra.

E poi - importantissimo - grazie a @filippodb a @morven e a tutti quelli che hanno a cuore e si impegnano per la nostra privacy.

@61ennepi
Hai ragione, ma per il momento mi accontento di non essere profilato "commercialmente".
Inoltre motori di ricerca tipo o li ho provati e non raggiungono ancora le potenzialità di
@filippodb @morven @BingDog

@imaginweb @61ennepi @morven @BingDog si duck duck è sicuramente un passo avanti anche se alla fine aggrega risultati da più fonti come fa in cui fra l’altro puoi avere tutti i risultati di senza pubblicità se vai nelle impostazioni dei motori: searx.devol.it
Anzi i risultati di duck duck go sono quelli che escono sempre mentre con Qwant, bing, Yahoo e startpage a volte fanno le bizze.

@61ennepi
Grazie! Ma faccio quello che posso, cioè poco.

@imaginweb
Esatto! La scelta è sulla tutela dei propri dati per evitare la profilazione commerciale. Quello che mi motiva (ma credo anche voi tutti) è la curiosità per i processi in corso.

Cultura digitale? Credo sia una necessità ormai, una alfabetizzazione di base, come nell'800 lo era andare a scuola per imparare a leggere e scrivere. Non solo per i nerd.

@filippodb
@BingDog
Grazie!

Bedda !!!

Pedagogia Hacker per genitori e insegnanti alle prese con preadolescenti

in collaborazione con Maurizio “Graffio” Mazzoneschi Vivere con i nuovi (pre)adolescenti, ragazze e ragazzi cresciuti in ambienti e pseudo-ambienti ad alta intensità digitale, richiede un approccio nuovo anche alle tecnologie stesse. Né tecnofobo, né tanto meno tecno-entusiasta, ma consapevole [...]

circex.org/it/agenda/pedagogia

@61ennepi @imaginweb @filippodb @BingDog

Accedi per partecipare alla conversazione
Mastodon Italia Social

Benvenuto su Mastodon Italia!

Mastodon.uno è il primo social italiano indipendente generalista, etico, libero, gratuito, decentralizzato è una istanza italiana che fa parte della federazione mastodon: il fediverso. Mastodon.uno è l'istanza italiana del fediverso che rispetta la privacy: senza pubblicità, senza paywall, senza algoritmi, senza cookies di profilazione, è indipendente, senza azionisti, investitori o gruppi/circoli/centri a cui dover riferire, senza tracciabilità.
Mastodon.uno non è un social commerciale, non ha alcun scopo di lucro, nessuno ti spia, nessuno analizza cosa stai facendo, nessuna fastidiosa registrazione, niente dati personali, niente costi premium, nessuna notifica fastidiosa, nessuna email e niente banner pubblicitari.
Mastodon.uno è il social etico che non ti profila e non usa algoritmi, non deciderà mai cosa devi vedere, cosa devi comprare e quali persone seguire. Per maggiori informazioni qua abbiamo creato la prima guida italiana a mastodon.

Perchè iscriversi a mastodon.uno

Siamo la prima community italiana ad essere consigliata dal sito ufficiale di mastodon, in quanto seguuiamo rigidi criteri di affidabilità fra cui: backup giornalieri, più di un responsabile tecnico disponibile in caso di emergenza, garanzie tecniche nel mantenere il sito sempre attivo online, moderazione attiva contro azioni discrimitorie e di odio, nessuno scopo di lucro. Mastodon.uno è inoltre una delle poche istanze in cui è attiva la ricerca sul testo, che è disattivata nella maggior parte delle istanze per risparmiare sui costi, noi forniamo un servizio completo per mantenere una memoria storica su ciò che si scrive e poterlo facilmente recuperare.

Supporta la community Italiana

Dal momento che non abbiamo alcuno scopo commerciale, non serviamo annunci promozionali e non vendiamo dati, ci affidiamo al vostro supporto. Se utilizzi mastodon.uno e ti piace la guida che aggiorniamo costantemente su mastodon.it fai una donazione, per aiutarci bastano pochi centesimi alla settimana per coprire i costi di un account attivo:



Mastodon non ti obbliga a iscriverti con il tuo nome e cognome o con il tuo numero di telefono, puoi mantenere la tua privacy ed utilizzare qualsiasi nome, abbiamo solo bisogno di una email per la verifica. Oppure al contrario se desideri avere un account vericato puoi verificare la tua identità. Se hai un sito basta inserire un piccolo script che trovi nel tuo pannello di modifica del profilo all'interno della homepage del tuo sito/blog. Oppure utilizzando l'app open source keybase per verificare la propria identità su più social: keybase su mastodon.uno
Mastodon.uno è l'istanza italiana gestita da utenti italiani per gli utenti italiani, spetta a te decidere cosa vedere in modo cronologico scegliendo chi seguire, unisciti al team di supporto e diventa un utente sostenitore.
Mastodon.uno è una istanza italiana collegata a tutto il network mastodon, è autogestita ed autofinanziata, non è una società che cerca di creare profitto dalla tua vita e dai tuoi contenuti, non raccoglie, elabora e vende informazioni personali. Mastodon si autofinanzia con le donazioni, il tuo supporto via Patreon e Liberapay è fondamentale per mantenere questo servizio attivo ed efficiente.