Segui

Sono appena capitato su simplex.chat/ grazie al messaggio sul canale @lealternative Fresh e dando un'occhiata al loro sito ho visto la tabella comparativa con gli altri protocolli di . Tabella ovviamente (e giustamente) di parte, ma mi ha fatto riflettere su quali possano essere i problemi del protocollo (che fin'ora ritenevo il migliore)...

Voi se proteste far migrare tutti gli utenti su una nuova piattaforma quale scegliereste? E perché?

@leo_mantooo @lealternative come sempre più si crea un sistema blindato è più diventa inutilizzabile per l’utente comune. Matrix è un ottimo compromesso per un’utilizzo comune, le soluzioni p2p sono più adatte ad attivisti, giornalisti ed altre attività che hanno bisogno di un alto livello di sicurezza.

@stimart @lealternative Telegram da quello che so ha una buona privacy policy ma è comunque un servizio centralizzato (tra l'altro con costi di gestione che devono essere non da poco), solo parzialmente open source e per di più con crittografia dei messaggi lato server e non e2e...
A parer mio un grande passo in avanti rispetto a Whatsapp (non solo come privacy ma anche come UX, anche se questo è un altro discorso) ma non lo vedo come "destinazione finale" ideale

@leo_mantooo
#xmpp , protocollo federato, sicuro, facile da gestire anche con il #selfhosting . https://xmpp.org/getting-started/

Qui lo user group italiano di XMPP.
xmpp:xmpp-it@conference.meet.sabatino.pro?join

https://conversations.im/j/xmpp-it@conference.meet.sabatino.pro

@lealternative

@mario @lealternative effettivamente ne avevo già sentito parlare ma non ho mai approfondito. Dalla mia ignoranza lo vedo molto simile a Matrix... Sbaglio? In che cosa differiscono?

@leo_mantooo
Matrix è un protocollo diverso e molto più recente. XMPP ha superato i 20 anni di vita restando sempre attuale. In passato xmpp è stato utilizzato anche da Google e Facebook per le proprie app di messaggistica. La differenza principale, dal punto di vista dell'utente e del self hoster è che i server xmpp utilizzano molte meno risorse e sono più semplici da installare e mantenere. Per le questioni più tecniche lascio spazio ad altri. Ah, xmpp USA il buon vecchio xml.
@lealternative

@mario @lealternative @leo_mantooo ma c'è un'app per usarlo? Come funziona? Ho da poco installato Simplex ma sono curioso.

@stimart @lealternative @leo_mantooo a questo link trovi tutte le info https://xmpp.org/getting-started/ cmq io come app uso Conversations per Android che scarichi gratis da F-droid. Conversations fornisce un servizio gratuito ma anche Disroot va benissimo.
@stimart @lealternative @leo_mantooo @mario

confermo, su cellulare android il client più usato è conversatios.

per pc consiglio dino-im oppure gajim, entrambi mi risulta multipiattaforma

per iCosi invece so che ci sono delle app, mi pare che una sia monal, ma non ricordo quale sia quella consigliata ORA
@mario @lealternative @leo_mantooo xmpp è già passato dal periodo in cui c'era una megaistanza su cui c'era buona parte degli utenti (google talk), ne è uscito un po' malconcio sul breve termine, ma poi si è ripreso, e oggi come oggi mi risulta che una parte molto significativa delle persone sia su istanze piccole, anche grazie al fatto che gestirle è decisamente semplice e poco sbattito (per chiunque sappia gestirsi un server)

fin dall'inizio è stato progettato per essere estendibile ed adattabile alle nuove esigenze man mano che appaiono, e credo che quella sia la sua forza principale sul lungo periodo.

l'uso di xml, invece, beh, purtroppo all'epoca la moda era quella, ma se non altro quello lo gestisce una libreria e per la maggior parte del tempo è come se non ci fosse :D

@mario @lealternative @valhalla Vi dirò, dagli screenshot Conversations mi sembra uscita direttamente dal 2015... E io che ero scontento di Element! 😅😂
So che l'abito non fa il monaco eh, e probabilmente lo proverò prima o poi, però sono fermamente convinto che anche l'occhio abbia diritto alla sua parte... soprattutto se si vuole provare a diffondere XMPP anche ai non-smanettoni

@lealternative @leo_mantooo @mario conversations lo usano i miei, che non si son mai lamentati dell'aspetto (al massimo del fatto di non riuscire a caricare un video coi gattini e le musiche cringe perché era troppo grosso, ma quella è un'impostazione del mio server >:-) )
@lealternative @leo_mantooo @mario ed è il bello dell'usare un protocollo maturo: ci sono client diversi che vanno bene per i gusti di persone diverse, e si può scegliere quello che si preferisce.

(e anche avere almeno un paio di buoni server maturi adatti al self-hosting credo che sia un discreto vantaggio)
Accedi per partecipare alla conversazione
Mastodon Social Italia

Benvenuto su Mastodon Italia! Qui potete leggere Chi Siamo

Mastodon è un Social Network federato. Ciò significa che nessuna singola entità controlla l'intera rete, piuttosto, come la posta elettronica, i volontari e le organizzazioni gestiscono i propri siti indipendenti nei quali gli utenti possono interagire tra loro anche se registrati in siti differenti. Mastodon.uno è la prima istanza generalista indirizzata ai soli utenti di lingua italiana che fa parte della federazione mastodon e rispetta i principi cardine dei social decentralizzati: indipendenti, etici, liberi, gratuiti e autogestiti dalla propria community.

Questa istanza italiana è stata creata per dare uno spazio libero di condivisione e discussione a tutti gli utenti italofoni, sebbene i messaggi possano anche essere scritti in altre lingue, questa istanza di Mastodon è riservata esclusivamente ai soli utenti italofoni. Se non volete un social network in cui Mark Zuckerberg o un altro CEO miliardario determini cosa potete pubblicare e quali post possano diventare popolari, Mastodon è una buona alternativa. Mastodon è costruito come una versione più etica di Twitter e al momento è il più grande social network decentralizzato.

Mastodon.uno è gestito dal gruppo Gruppo Devol, potete rimanere aggiornati su mastodon iscrivendovi alla Newsletter Devol ed al canale telegram Devol Italia dove verranno pubblicati i comunicati ufficiali.

Mastodon.uno si autofinanzia esclusivamente con le donazioni degli utenti utilizzando la piattaforma open Liberapay:


Benvenuti in una federazione di social dove gli inserzionisti non sono i padroni di casa.

Dove i vostri dati non sono confezionati e venduti.

Dove siete voi, non gli algoritmi, a decidere cosa vedere.

Dove puoi segnalare direttamente agli admin i contenuti ingannevoli.

Dove le azioni tossiche vengono tenute fuori.

Dove ti piace davvero passare il tempo.

Benvenuti sui social come dovrebbero essere.

Benvenuti su mastodon.uno.

Per sostenere mastodon si può anche offrire un caffè al gruppo devol che si occupa della gestione di questa istanza e di molte altre per garantire un futuro più libero e decentralizzato. E' possibile donare un caffè anonimamente senza l'obbligo di creare un account:


Oppure si possono fare donazioni con le criptomonete Bitcoin, Litecoin, Bitcoin Cash, Ethereum, Stellar Lumens, Monero:


Puoi supportare mastodon anche utilizzando il browser Brave, attivandone gli annunci e donando la criptomoneta BAT che puoi accumulare nell'utilizzo di tutti i giorni.


Un motore di ricerca decentralizzato e rispettoso della privacy come presearch può aiutare anche mastodon. Ad ogni ricerca accumulerai la criptomoneta PRE, al raggiungimento di 50 PRE, 25 verranno donati a mastodon se ti iscriverai cliccando qui sotto: presearch

Chi siamo e cos'è Mastodon