Riflessioni sul Linux Day
Quali spiegazioni riguardo alla diminuzione dei linux day/lug?
Ecco il post di @mte90 sul forum di @ItaLinuxSociety:
forum.linux.it/t/riflessioni-s

Segui

@informapirata @mte90 @ItaLinuxSociety non si vendono più PC come una volta, negli ultimi 10 anni gli smartphone hanno preso il sopravvento e gli under 25 non usano altro.
Poi il ha perso gran parte del fascino antagonista e ribelle da quando Microsoft ha svoltato e si è presentata come innamorata di Linux.
Secondo me c'è bisogno di ampliare la platea, invece di un linux day c'è bisogno di integrarsi in un più ampio "Libre Day" che accolga anche i movimenti pro- :privacypride:

@filippodb @informapirata @mte90 @ItaLinuxSociety il problema è che per l 80% dei giovanissimi e anche mezza età internet è sinonimo di facebook/instagram/tiktok e cazzate del genere e se la mammina compra il tablet e il cellulare ai bambini di 8 anni questi non si abituano alle cose serie.... Esempio: un mio amico 50 enne non aveva mai preso in mano un pc solo cellulare! mia suocera adesso usa solo cellulare e internet è facebuk... questa è la situazione.

@filippodb @informapirata @mte90 @ItaLinuxSociety Considerazioni valide Filippo db, credo che il problema base sia che non c'è "ricambio" e non si raggiungono le nuove leve con le iniziative, proprio perchè i devices ed il modo di fruire internet è cambiato. Anche secondo me integrarsi con i temi come privacy ed etica è il futuro. Non commento il Microsoft loves Linux che è solo marketing di bassa lega e pura finzione

@notanamber @filippodb @informapirata @mte90 @ItaLinuxSociety "se non puoi batterli assimilali", è la filosofia microsoft, per quello che riguarda i device, ho fatto notare a mia figlia 19enne che si vantava che i tutti giovani d'oggi sanno usare un coso elettronico, che il 99.9% di loro un pc non saprebbe non usarlo e gestirlo. Quanti 15enni di oggi sanno formattare un pc ? Mentre moltissimi 15enni negli anni 80 sapevano smontare e rimontare il carburatore del motorino che tutti avevano 🙂

@uolfmen @notanamber @filippodb @informapirata @ItaLinuxSociety
tra le proposte c'è anche di fare delle giornate alternative tipo open data day o privacy day con materiale fornito a livello nazionale.
Sul ricambio concordo infatti mesi fa ho fatto una call under 35 per fare delle riflessioni insieme.
Sull'ignoranza pure ho visto ragazzi non avere un portatile o non sapee installare dei programmi e la scuola non sopperisce queste carenze.

@mte90 @uolfmen @notanamber @filippodb @informapirata @ItaLinuxSociety negli uffici usano i PC se i giovani di oggi non imparano ad usarli come faranno a lavorare? vanno a chattare col tablet?😅

@invalido_incazzato @uolfmen @notanamber @filippodb @informapirata @ItaLinuxSociety
Non li sanno usare infatti, sono dei boomer digitali.
Lo dico perchè faccio anche assistenza e formazione a coetanei.

@mte90 @invalido_incazzato @uolfmen @notanamber @filippodb @informapirata @ItaLinuxSociety Verissimo: a meno che non stiano seguendo un percorso di formazione specifico, con l'informatica al centro, non sanno fare assolutamente niente. Aprono il programma e poi il file, dalla lista dei documenti recenti: non hanno idea di dove sia e di come arrivarci senza passare per un menu. Sanno premere i tastoni Clementoni sui telefonini, stop.

@uolfmen @notanamber @filippodb @informapirata @mte90 @ItaLinuxSociety il ragionamento fa' un po' acqua, (e non offenderti):

_ la ragazza è nel picco iniziale del grafico dunning kruger. Prova a farle installare LineageOS su telefono compatibile poi vediamo

_ non sanno formattare perché non ne sentono/capiscono il bisogno. Tu devi insegnarglielo, solo dopo potrai obiettare le sue competenze. Stessa cosa vale per le modifiche al motorino, non ci si inventava da soli come fare

@lucamp @uolfmen @notanamber @filippodb @informapirata @ItaLinuxSociety
Diciamo che le nuove generazioni hanno interessi diversi.
Con la tecnologia ancora più accessibile certe necessità non ci sono.

Per questo stiamo valutando altre cose per coinvolgerli.

@mte90 @uolfmen @notanamber @filippodb @informapirata @ItaLinuxSociety non seguo il Linux day quindi sicuramente sarà gia stata pensata:

ma andare nelle scuole? Volantini, corsi di base gratuiti sull'uso consapevole di strumenti informatici, etc

Se capissero perché Windows e la profilazione sono un problema buono anche che assieme riescano a portare cambiamenti nelle scuole e ai loro padri

Un po' utopistico visto che sono tutti su TikTok...

Col friday for future però qualcosa si è mosso

@lucamp @uolfmen @notanamber @filippodb @informapirata @ItaLinuxSociety
nelle scuole tante cose sono state fatte ognuna in modo diverso da ogni lug, il problema principale saltato fuori dalle riunioni è che bisogna avere dei professori "compiacenti". Il che non è facile per aiutare da livello nazionale, se non si ha qualcuno a livello locale.
L'idea dei corsi è saltata fuori -> forum.linux.it/t/riunione-ils-

@mte90 @lucamp @uolfmen @filippodb @informapirata @ItaLinuxSociety Hai perfettamente ragione, nelle scuole fanno fatica proprio ad affrancarsi dai programmi proprietari (autocad e roba simile), ed è un peccato. Gioca a sfavore in alcuni casi anche la chiusura mentale data dall'età media dei professori

@notanamber @lucamp @uolfmen @filippodb @informapirata @ItaLinuxSociety sicuramente l'età media non aiuta dentro la scuola ma sostituirli con altri docenti più giovani che non sanno usare il pc non so se sia meglio.

@minimalprocedure @filippodb @informapirata @ItaLinuxSociety
Si chiama linux day ma come dice il sito è dedicato a linux e all'open source quindi la privacy può rientrare tra le tematiche.
Altrimenti neanche il fediverso potrebbe partecipare visto che non è linux ma è open source.

@minimalprocedure @filippodb @informapirata @ItaLinuxSociety
Perchè nell'open source la privacy è più garantita rispetto a altre soluzioni, visto il concetto di trasparenza di base.
COnsiderando poi che ci sono progetti foss proprio per la privacy da privacy badger in poi per fare qualche esempio.

@minimalprocedure @filippodb @informapirata @ItaLinuxSociety
La linux foundation era un esempio di come nessuna foundation in ambito foss utilizzi solo foss, a cominciare dalla apache o dalla software freedom conservacy.

Significa togliere una libertà mentre il foss da tutte le libertà del mondo possibili.

Se fosse come dici tu l'open source sarebbe morto prima che io nascessi.

@minimalprocedure @filippodb @informapirata @ItaLinuxSociety
Non si può chiedere a chi contribuisce a progetti foss come wikimedia o openstreetmap, che sono prettamente online di fare presentazioni su linux.
Anzi il fatto che non lo usino è una dimostrazione della nostra apertura e libertà rispetto agli altri che ci hanno messo degli anni per cedere a linux.

@minimalprocedure @filippodb @informapirata @ItaLinuxSociety
la trasparenza nelle decisioni, nell'interagire con il progetto, nel poter intervenire e così via.

Parla uno che il suo primo smartphone nel 2009 fu un openmoko freerunner, poi che ha lavorato su Firefox OS e che ora usa Lineage OS.

@minimalprocedure @filippodb @informapirata @ItaLinuxSociety

No per dire che io capisco la situazione ma se abbozzare su queste cose ci permette di far conoscere i progetti e come funziona è una concessione che non mi porta difficoltà.

Altrimenti qui si starebbe ancora aspettando GNU HURD e tante altre cose...

@minimalprocedure @filippodb @informapirata @ItaLinuxSociety
naturalmente, era spiegare come fare questa scelta di obbligare linux è contrario sia alle licenze dei progetti che vengono presentati che alle linee guida dell'evento.

Sto pensando a tutte le persone che conosco molti attivi in questi progetti e non usano linux come potrebbero sentirsi tagliati fuori solo perchè non ci si trovano con linux.

@minimalprocedure @filippodb @informapirata @ItaLinuxSociety
La maggior parte dei lug non sa nemmeno cosa sia il fediverso, alcuni hanno solo la pagina facebook ad esempio.
Il fatto che il fediverso sia open source non significa che bisogna fare promozione solo l oppure cacciare dai linux day chi non utilizza linux per fare la presentazione su un progetto foss.

@minimalprocedure @filippodb @informapirata @ItaLinuxSociety
Allora mi sa che devo smettere di usare Zoom, Google e tutti gli altri servizi con cui faccio FOSS.
Non c'è scritto da nessuna parte che per fare foss bisogna usare al 100% foss.
Cioè dovrei smettere di usare il mio slimbook o il fisso perchè i componenti usano un bios non open source per dire.
Gli integralismi sono stati sconfitti dalla storia.
Anche la linux foundation dovrebbe chiudere per dire...

@minimalprocedure @filippodb @informapirata @ItaLinuxSociety
E allora così si è contrari alle regole delle licenze open source.

it.wikipedia.org/wiki/Licenza_

Non si è neutri rispetto alla tecnologia oltre che si fa discriminazione di settori, discriminazione di persone e la sua redistribuzione.

Mi dispiace ma se la realtà fosse come dici te io avrei abbandonato da tempo qualunque contributo al mondo open source cosa che faccio regolarmente da diversi anni.
Più fatti e meno parole.

@minimalprocedure @filippodb @informapirata @ItaLinuxSociety
che forzare l'uso di foss per fare foss è contro i principi delle stesse licenze foss.

Nega delle libertà il che non va bene.

@minimalprocedure @filippodb @informapirata @ItaLinuxSociety
Se io tolgo la libertà di neutralità di tecnologia sull'uso e promozione si è contrari a una delle libertà delle licenze open source.

Lo stesso motivo per cui quando alcuni progetti foss hanno modificato le license per impedirne l'uso da parte dell'ICE l'osi e altri del mondo foss erano contrari.

@mte90 se ilLUG non usano il fediverso, questo non è rilevante: il e ll'attività dei LUG non sono ambiti troppo correlati.

Tra l'altro, se anche il 100% dei LUG utilizzasse il fediverso, questo non sposterebbe di un millimetro la quota di mercato del fediverso! 😂

Però il fediverso come concetto potrebbe esso sì, sensibilizzare migliaia di profani in favore del software libero...

@minimalprocedure @filippodb @ItaLinuxSociety

@informapirata
Naturale volevo fare degli esempi per cui questi integralismi suggeriti siano solo deleteri, impossibili da ottenere oltre che fuori da ogni tempo.

@mte90 infatti ci mancherebbe altro che chi promuove il FOSS, faccia promozione solo su trumenti FOSS...

Un po' come avere un negozio in cui i clienti possono comprare solo se hanno già fatto acquisti in quello stesso negozio: praticamente il comma22 dei business model

@filippodb @informapirata @mte90 @ItaLinuxSociety IMHO Se c'e' interoperabilita' un dispositivo vale l'altro e pure l'SO.
Oggi avere un PC e' gia' ribelle, perche implica spesso di voler fare qualcosa di piu' di un monouso del dispositivo.
Pensco hce LInux ha spazio per crescere sorpattuto in uan contesto in cui si ottimizza il dispositivo all'uso.
E? chiaro che certe nuove generazioni di utenti, indipendentemente dall' eta', sono distratti dai "lustrini"di mille app (inutili).

@filippodb @informapirata @mte90 @ItaLinuxSociety Ho una riflessione che potrebbe dare buoni spunti. Perchè le consolle da gioco sono sempre state popolari, sia una volta che il videogioco era nicchia, e sia oggi che i PC offrono di meglio come potenza a costi anche più contenuti (per esperienza gli stessi laptop sono buoni per molti giochi)?
Perché le consolle sono immediate da usare, i PC, qualsiasi sia l'OS sopra, no. ---

@filippodb @informapirata @mte90 @ItaLinuxSociety Con una consolle metti una cartuccia, o disco, e non devi pensare ad altro. Non devi preoccuparti di cose tecniche come drivers, compatibilità e simili. Del resto, è la stessa cosa che io mi aspetto con un'automobile: non so niente di meccanica, e quando la uso, mi limito ad accenderla e guidare, non di regolare di mio sospensioni o l'allineamento dei pneumatici.

@filippodb @informapirata @mte90 @ItaLinuxSociety Dunque, non è negativa che l'aspettativa dell'utente medio sia quello di un dispositivo che si usi appena lo si accenda senza avere abilità tecniche, perché abbiamo tutti il bisogno della medesima immediatezza nei campi che non conosciamo. E' una aspettativa natuale che dobbiamo affidarci alle competenze altrui in quelle cose che escono dalla nostra familiarità. Coi PC non lo vedo diverso, ma è facile dimenticarlo.

@filippodb @informapirata @mte90 @ItaLinuxSociety Ma è comunque un problema critico, perché è verissima una critica all'atteggiamento moderno: non c'è nessuna educazione sull'uso degli strumenti, come i social (cosa non si dovrebbe fare e le conseguenze, morali e penali, dell'uso indebito). Quando eravamo ragazzi, nelle scuole si facevano dei brevissimi corsi dell'uso del PC con macchine DOS/Win 95, e i concetti essenziali come cosa può fare un PC e cosa sono i termini di base.

@filippodb @informapirata @mte90 @ItaLinuxSociety Da quello che so, questa educazione di base è completamente sparita dalle scuole; e dire che quando hanno insegnato a noi, il PC era ancora una cosa di nicchia! C'è anche un atteggiamento sbagliatissimo che le persone mostrano, si sentono offese se gli si fa notare che non hanno comprensione dello strumento. Eppure è come chiedere di guidare senza conoscere il codice della strada.

@filippodb @informapirata @mte90 @ItaLinuxSociety Un'altro aspetto che noto non sia stato alzato nella discussione, oggigiorno la maggior parte degli utenti giovani non usa Facebook/Twitter e i social tradizionali, ma si muove su quelli più audiovisivi: Instagram, Tik Tok, ma anche i servizi chat come Telegram, Watsapp, e simili. Ci sono gruppi che sui social normali sono pressochè in animazione sospesa, mentre l'attività vera la fanno sulle chat di nuova generazione.

@filippodb @informapirata @mte90 @ItaLinuxSociety Dunque: non considero il modello dei smartphone su app uno sbaglio, sono strumenti immediati su cui dovremmo riflettere su come implementare sotto Linux. A questo proposito, potrei ricordare SteamOS, che Valve ha basato su Debian, che trasforma il PC in una pseudo-consolle attraverso il "big screen mode" di Steam. ---

@filippodb @informapirata @mte90 @ItaLinuxSociety Valve ha sbagliato di pretendere che i pc preasseblati siano un mercato critico, quando chiunque si può fare il suo PC da gioco a maniera sua; ma sull'idea della semplificazione, per me hanno avuto l'idea giusta. Gli manca il modello di business serio. Ci sono progetti con Linux per il retrocomputing e mediacenter che fanno lo stesso: limitano tutto ad una interfaccia specifica per uno scopo solo.

@filippodb @informapirata @mte90 @ItaLinuxSociety Dunque... dovremmo riflettere anche come si può rendere un PC "immediato" come altri strumenti che abbiamo in giro, e cosa può offrire Linux in questo senso che Windows non può. SteamOS e altri sono tutti basati su Linux, ma credo davvero siano sottovalutati proprio da chi propaganda Linux in primis. E invece io li vedrei come una occasione di avvicinare un tipo di persone mostrando che Linux può essere reso immediato come altri dispositivi.

@filippodb @informapirata @mte90 @ItaLinuxSociety Inoltre, bisognerebbe anche cercare di coprire all'educazione sui computers che la scuola ha dimenticato da tempo: non solo parlando di sicurezza, ma eventualmente anche di argomenti più generici come netiquette, come riproporre l'informatica nelle scuole, come semplificare la comprensione del PC a chi non sa cosa c'è sotto il case, perché anche a scuola guida comunque ti insegnano qual'è l'idea di base del motore a scoppio.

@filippodb @informapirata @mte90 @ItaLinuxSociety Dunque si, parlare di Privacy in senso lato di Linux, cioè cosa può offrire e contribuire il FOSS sui temi della sicurezza (per esempio anche hardware "alternativo" pensato per essere Open, raro ma esiste), ma non solo. Bisogna anche educare alla privacy, che significa coprire anche a quello che manca all'educazione informatica in generale.

@filippodb @informapirata @mte90 @ItaLinuxSociety Una cosa pratica che si potrebbe fare, è dare più spazio agli smartphone "aperti" come il Pinephone ad esempio. Mostrare che Linux non è solo per nerds, ma esiste anche in devices immediati col vantaggio che se ti muovi su PC, ciò che impari su quel telefono lo sai fare anche sul PC più "complicato". Che sono eco-friendly perché pensati per durare, non per seguire la moda. Sono sicuro che vi verranno anche altri spunti.

@filippodb @informapirata @mte90 @ItaLinuxSociety Mi sono dilungato ma afferrate il mio punto. Non vedrei i "telefonini" o le abitudini odierne una minaccia, ma una occasione di studiare, capire da dove vengono, e imparare se ci sia qualcosa che noi prima dovremmo migliorare, e quali sono i veri bisogni che la società sta delineando. Sennò è vero, alla fine si rimane un covo di hipsters che non vede che il mondo cambia, e non sa vedere se c'è qualcosa di buono attorno e come usarlo.

Accedi per partecipare alla conversazione
Mastodon Italia Social

Benvenuto su Mastodon in italiano!

Mastodon è una rete sociale federata. Ciò significa che nessuna singola entità controlla l'intera rete, piuttosto, come la posta elettronica, i volontari e le organizzazioni gestiscono i propri server indipendenti nei quali gli utenti possono interagire tra loro anche se registrati in server differenti. Mastodon.uno è la prima istanza generalista indirizzata ai soli utenti di lingua italiana che fa parte della federazione mastodon e rispetta i principi cardine dei social decentralizzati: indipendenti, etici, liberi, gratuiti e autogestiti dalla propria community.

Questa istanza italiana è stata creata per dare uno spazio libero di condivisione e discussione a tutti gli utenti italofoni, sebbene i messaggi possano anche essere scritti in altre lingue, questa istanza di Mastodon è riservata esclusivamente ai soli utenti italofoni. Se non volete un social network in cui Mark Zuckerberg, Jack Dorsey o un altro CEO miliardario determini cosa potete pubblicare e quali post possano diventare popolari, Mastodon è una buona alternativa. Mastodon è costruito come una versione più etica di Twitter e al momento è il più grande social network decentralizzato.

Mastodon.uno si autofinanzia esclusivamente con le donazioni degli utenti utilizzando la piattaforma open Liberapay:


Benvenuti in una federazione di social dove gli inserzionisti non sono i padroni di casa.

Dove i vostri dati non sono confezionati e venduti.

Dove siete voi, non gli algoritmi, a decidere cosa vedere.

Dove puoi segnalare direttamente agli admin i contenuti ingannevoli.

Dove le azioni tossiche vengono tenute fuori.

Dove ti piace davvero passare il tempo.

Benvenuti sui social come dovrebbero essere.

Benvenuti su mastodon.uno.

Per sostenere mastodon si può anche offrire un caffè al gruppo devol che si occupa della gestione di questa istanza e di molte altre per garantire un futuro più libero e decentralizzato. E' possibile donare un caffè anonimamente senza l'obbligo di creare un account:


Oppure si possono fare donazioni con le criptomonete Bitcoin, Litecoin, Bitcoin Cash, Ethereum, Stellar Lumens, Monero:


Puoi supportare mastodon anche utilizzando il browser Brave, attivandone gli annunci e donando la criptomoneta BAT che puoi accumulare nell'utilizzo di tutti i giorni.




Chi siamo e cos'è Mastodon