Segui

Visti i 30 anni dli sto provando varie distribuzioni per il MacBook Air 2011.

Provato e , a momenti mi fondevano il portatile 😄

Provato : una scheggia, ma appena apri su YouTube o repubblica.it rallenta tutto, con molto meglio, meno cpu e ram ma il SO è orribile e ha troppi limiti/problemi

più lento e più problemi: cestinato

Sconsolato ho provato 34 con 40, wow!! Leggero, belllo quanto macOS e senza bug! 😍

@chainofflowers 😁 diciamo che fedora 34 mi ha riconosciuto un po' tutto l'hardware senza fondere ma motherboard 😅

@filippodb
Si, è vero, Fedora funziona meglio di ubuntu, non che non faccia errori di sistema ma si corregge facilmente da solo, con ubuntu devi fare più aggiustamenti manuali.

@invalido_incazzato @filippodb
non male, lo sto usando in chrome OS come macchina virtuale, più che altro, però, è una volgare imitazione del vero debian, il sistema virtuale esiste allo scopo che venga usato da chi sviluppa programmi linux ma non credo che si possa usare a tale scopo, come ho detto prima è solo una volgare imitazione, ma io riesco a usarla per avviare libreoffice, usare firefox e thunderbird, non che gimp e shotcut per i video

@filippodb Ho installato da tempo Manjaro KDE sul mio mackbook 3.1 del 2007, al quale però ho upgradato la ram a 4gb e montato un hard disk ssd. Nessun problema per l'utilizzo quotidiano, ne per qualche ripresa audio, quando ho bisogno di spostarmi dal mio studio.
Basta utilizzare un kernel un po' più vecchiotto (facilmente installabile su Manjaro) e tutto va alla grande!

@filippodb Sostengo l'opzione Manjaro; mi sono stabilizzato anche io su quello per il mio portatile, un fascia bassa del 2016 e vado un amore. Lo preferisco a Fedora per la quantità di pacchetti software cui si accede facilmente con l'AUR. Ubuntu è il male ormai, già solo per il fatto di spingerti a usare snapd, chd consuma una quantità di risorse immane!

@filippodb hai provato Manjaro? Per me numero uno (mbp 2013)

@filippodb Non usavo una distro rpm-based da circa 20 anni, i miei ultimi ricordi risalgono a Red Hat Linux 8 😭 . Ho provato fedora 34 per circa un'ora ed ho subito deciso di brasare la mia ubuntu per installarla senza alcun rimpianto ❤️ .

Ho trovato un sistema pulito e leggero, inoltre gnome 40 a mio avviso ha fatto un grosso passo avanti in usabilità.

p.s. trovo flathub più funzionale di stap.

@lupantano guarda, hai scritto un messaggio che avrei potuto scrivere io, parola per parola 😂

si finalmente si sono accorti che la gente usa il portatile e il touchpad, l'esperienza d'uso ne ha guadagnato e hanno fatto un salto avanti di 10 anni, finalmente!

mi sa che anch'io passerò a fedora nonostante le sirene mi vogliano portare altrove su e alle altre distribuzioni più cool del momento, ma sinceramente solo le 3 Big , e mi trasmettono affidabilità.

@filippodb dai un'occhiata anche ad openSUSE Tumbleweed. Combina le caratteristiche di Fedora (rpm-based) con quelle di ArchLinux (rolling release). È anche agnostico sul desktop environment, quindi puoi scegliere tranquillamente all'installazione il DE che preferisci. :)

@franjsco e sono delle distribuzioni storicheche non ho mai provato.

Non sono un fan dell'aggiornamento a tutti i costi, lo considero una gran perdita di tempo sopratutto quando qualcosa si rompe, il SO deve essere duro come una roccia e non deve farmi perdere tempo, quindi forse mi andrebbe meglio OpenSUSE Leap ;)

@filippodb personalmente se non ho l'ultimo software mi sento meno produttivo, poi ovviamente è soggettiva la cosa😂. Per quanto riguarda durezza e stabilità, ogni aggiornamento di Tumbleweed è accuratamente testato con test automatici mediante openQA (openqa.opensuse.org/). Qualcosa va storto? Esiste snapper (funzionante out-of-box) che direttamente dal boot permette di fare il rollback ad uno snapshot precedente. In 2 anni mai avuto alcun problema di update. :)

@franjsco si con opensuse non è minimamente in discussione l’affidabilità, gran cosa snapper.
E poi è una distribuzione europea.
Però ho controllato i laptop Tuxedo che sono main sponsor e hanno preinstallato solo Ubuntu &co. Niente opensuse.
Non ci siamo.

@filippodb @lupantano @franjsco
Fedora mi attira molto, anche perché mi trovo benissimo con Gnome.

Su Manjaro vorrei condividere la mia esperienza. come tutte le arch-based è una distro che incoraggia a capire come funziona in profondità e a volte obbliga a "sporcarsi le mani". Ad esempio, a differenza di openSuse non c'è la possibilità di avviare da GRUB uno snapshot out of the box, ma in fase di installazione puoi scegliere btrfs come file system e poi... è il momento di sporcarsi le mani
forum.manjaro.org/t/howto-btrf…
(si può ottenere la stessa cosa anche usando grub-btrfs + timeshift-autosnap )

Detto questo: l'ho installata 3 anni fa e non mi sono fatto mancare niente, compresi passaggi delicati per un non-tecnico come me, come passare da boot mbr a uefi, senza mai dover reinstallare. Non male per una rolling release.

Cosa mi manca quando uso altro:
- arch wiki
- pamac, che permette di cercare e gestire software da tutte le fonti (repo ufficiali, aur, flatpak, snap), indifferentemente da gui o da terminale
- un forum dove nessuno ti fucila se chiedi una cosa "facile"
- alcuni tool come il gestore di kernel o il log-helper

Consiglio questo OS a chi mi dice di voler "provare linux"? No. A questo scopo ci sono distro bellissime che, con un po' di fortuna non ti faranno mai aprire un terminale. Purtroppo quando qualcosa va storto, queste vengono criticate da chi le lodava per l'immediatezza, perché non hanno approfondito per andare oltre il "è buggata, non funziona!"

Credo sia semplicemente una buona scelta - non l'unica, anzi in ottima compagnia per fortuna - per chi pretende di decidere cosa vuole che il proprio computer faccia, invece di fare quello che il proprio OS ti propone.

Per me è abbastanza soddisfacente avere un'esperienza di Gnome40 fluida e completa anche su un tablet con un i5 di terza generazione e 4gb di ram, usando senza problemi trackpad, touch screen e pennino, e sentire che la ventola del device non urla tutto il tempo e lo stesso non sia sempre rovente ma piacevolmente tiepido, al contrario di quanto accadeva sul Windows 8 che aveva di fabbrica.

Mi scuso per la prolissità, avevo voglia di raccontare! :)
Accedi per partecipare alla conversazione
Mastodon Italia Social

Benvenuto su Mastodon in italiano!

Mastodon è una rete sociale federata. Ciò significa che nessuna singola entità controlla l'intera rete, piuttosto, come la posta elettronica, i volontari e le organizzazioni gestiscono i propri server indipendenti nei quali gli utenti possono interagire tra loro anche se registrati in server differenti. Mastodon.uno è la prima istanza generalista indirizzata ai soli utenti di lingua italiana che fa parte della federazione mastodon e rispetta i principi cardine dei social decentralizzati: indipendenti, etici, liberi, gratuiti e autogestiti dalla propria community.

Questa istanza italiana è stata creata per dare uno spazio libero di condivisione e discussione a tutti gli utenti italofoni, sebbene i messaggi possano anche essere scritti in altre lingue, questa istanza di Mastodon è riservata esclusivamente ai soli utenti italofoni. Se non volete un social network in cui Mark Zuckerberg, Jack Dorsey o un altro CEO miliardario determini cosa potete pubblicare e quali post possano diventare popolari, Mastodon è una buona alternativa. Mastodon è costruito come una versione più etica di Twitter e al momento è il più grande social network decentralizzato.

Mastodon.uno si autofinanzia esclusivamente con le donazioni degli utenti utilizzando la piattaforma open Liberapay:


Benvenuti in una federazione di social dove gli inserzionisti non sono i padroni di casa.

Dove i vostri dati non sono confezionati e venduti.

Dove siete voi, non gli algoritmi, a decidere cosa vedere.

Dove puoi segnalare direttamente agli admin i contenuti ingannevoli.

Dove le azioni tossiche vengono tenute fuori.

Dove ti piace davvero passare il tempo.

Benvenuti sui social come dovrebbero essere.

Benvenuti su mastodon.uno.

Per sostenere mastodon si può anche offrire un caffè al gruppo devol che si occupa della gestione di questa istanza e di molte altre per garantire un futuro più libero e decentralizzato. E' possibile donare un caffè anonimamente senza l'obbligo di creare un account:


Oppure si possono fare donazioni con le criptomonete Bitcoin, Litecoin, Bitcoin Cash, Ethereum, Stellar Lumens, Monero:


Puoi supportare mastodon anche utilizzando il browser Brave, attivandone gli annunci e donando la criptomoneta BAT che puoi accumulare nell'utilizzo di tutti i giorni.




Chi siamo e cos'è Mastodon