Segui

E' uscita la quarta puntata della newsletter dei sul ed il web decentralizzato.

In questo numero si parla del perchè lasciare , dei prossimi lavori di manutenzione dei server e di .

La è disponibile qui:

buttondown.email/devol/archive

e ci si può iscrivere anche da qui:

buttondown.email/devol/

i contenuti sono in creative commons e non vi è alcun tracciante nelle email.
IN alternativa è possibile seguirla con il feed rss:

buttondown.email/devol/rss

@devol ho letto l' articolo. Purtroppo ho trovato gli argomenti poveri ed inefficaci. Mi dispiace dirlo, ma addirittura qualunquisti e credo ciò non faccia progredire la causa contro bigdata.

Io non ho mai avuto Facebook Twitter e neanche il precedente Myspace, però ho sempre ritenuto normale che il modello di business sia sul valore dei dati. Non farei scandalo per questo. Sarà che non sono mai stato socialista, però io argomenterei su basi diverse .... continua

@roberto65 l'articolo è ovviamente una sintesi dei problemi di facebook, per questo alla fine c'è una luna serie di link autorevoli che ne approfondiscono i temi salienti.

@devol mi pare normale che si stipuli un simile patto tra fornitore di servizio e fruitore. Io stesso ai tempi di usenet ero molto interessato alla profilazione per capire le folle, i gruppi, come si polarizzano i caratteri.... lo consideravo interessante, onesto e non malizioso e non ho mai fatto scandalo se qualcuno fa scienza e ci guadagna sopra.

Suggerimenti potrebbero essere strategici individuali. I comportamenti conseguenti sono molti..... continua

@devol ad esempio io da tempo uso telefoni più degooglizzati possibile, ma senza paranoie. Non creo accounts gmail, non faccio backup su drive e aggiorno le app scientemente. È più faticoso, ma è una policy privata. Non mi è precluso da alcun Vangelo usare una search Google e preferire duckduckgo infatti spesso le faccio entrambe e confronto la qualità dei due page ranking.

Quindi consigli per avere controllo e padronanza dei propri dispositivi, .... continua

@roberto65 @devol purtroppo spesso e volentieri Aurora Store non funziona granché bene....

@paoloredaelli @devol aurora store è una opportunità in più finché funziona. Per ammissione degli sviluppatori l' uso di un account gmail incorporato viola un accordo con Google che quindi potrebbe sospendere l' account. È necessario tenere i piedi su più staffe e avere pazienza.

Apkpure è impestato di pubblicità, ma funziona .

Uptodown per ora discreto.

Apkmirror è difficile da usare, è solo manuale, ma permette upgrade, downgrade, scelta dell' architettura e versione.

F-droid.

@roberto65 @devol incredibile: non conoscevo apkpure, uptodown ed apkmirror! Li proverò! E grazie per il suggerimento! Il mio unico cruccio era non riuscire a scaricare perché purtroppo sono ancora costretto ad usarlo, ma vedo che è presente in tutte e tre questi servizi!

@roberto65 @devol potete confermarmi che sono
apkpure.com/it/
it.uptodown.com/android e apkmirror.com/ per piacere?
E soprattutto, come fanno a pagarsi la banda? Non vorrei che qualche simpaticone infilasse negli apk "dell'altro"...
(poi chi non è avezzo al potrebbe chiedere la stessa cosa per )

@paoloredaelli @devol si, sono quelli. I banner e i popup a iosa. Comunque gli apk si possono installare anche dopo averli scaricati in modo anonimo dal pc e le app che danno hanno la firma del market google infatti aurora o Play le aggiornano. Forniscono anche l' app dei loro market. Apkpure è invasivo con i popup. Anche apkmirror per cui non vi è una app ufficiale al market, ma su f-droid se ne trova una che poi usa il portale pieno di banner

@roberto65 @devol ero intenzionato a fare proprio quello che proponi: scaricare in modo anonimo gli apk e non installare appstore che non siano (ed è già un gran concessione). Sono solo indeciso se scaricarli dal o con un navigatore direttamente sul dispositivo

@devol il discorso sui dati che Facebook maneggia è inutile. Chissà che cosa ci sta a fare Facebook. O gmail.

Opinione personale, la normativa europea la trovo ridicola, ma il discorso diviene lungo. Comunque non credo al principio di diritto all' oblio perché ritengo prioritario il diritto di altri enti alla testimonianza

Accedi per partecipare alla conversazione
Mastodon Italia Social

Benvenuto su Mastodon in italiano!

Mastodon.uno è il social italiano generalista, indipendente, etico, libero, gratuito, decentralizzato ed autogestito dalla propria community.

E' la prima istanza generalista in lingua italiana che fa parte della federazione mastodon.

Questa istanza italiana è stata creata per dare uno spazio libero di discussione e condivisione a tutti gli utenti italofoni, sebbene i messaggi possano anche essere scritti in altre lingue, questa istanza di Mastodon è riservata esclusivamente ai soli utenti italofoni.

Mastodon.uno si autofinanzia esclusivamente con le donazioni degli utenti utilizzando la piattaforma open Liberapay:


Benvenuti in una federazione di social dove gli inserzionisti non sono i padroni di casa.

Dove i vostri dati non sono confezionati e venduti.

Dove siete voi, non gli algoritmi, a decidere cosa vedere.

Dove puoi segnalare direttamente agli admin i contenuti ingannevoli.

Dove le azioni tossiche vengono tenute fuori.

Dove ti piace davvero passare il tempo.

Benvenuti sui social come dovrebbero essere.

Benvenuti su mastodon.uno.



Vi invitiamo a diventare membri attivi e sostenitori per garantire un futuro più libero e decentralizzato con donazioni via paypal, carte e bonifico:


Oppure si possono fare donazioni con le criptomonete Bitcoin, Ethereum, Stellar Lumens, Monero:




Chi siamo e cos'è Mastodon 1575db71-a488-346e-b6f8-107408a1b21e