Segui

Molti si lamentano del potere esercitato da e ... su Facebook e Twitter. Mentre il resta semivuoto. Eppure la soluzione esiste ed è sin da subito attuabile.

@andreabrandi non tutti nascono per aprire nuove strade, molti si limiitano a seguire la massa perché rassicura di più. Ma ho visto sgonfiarsi Myspace, prima o poi si sgonfierà anche Facebook, e di fatto i più giovani lo stanno già abbandonando.

@gubi mi auguro avvenga presto. Ma spero che al suo posto non s'imponga, come al solito, l'ennesima alternativa privata a scopo commerciale.

@andreabrandi
@gubi
Peccato che MySpace non sia paragonabile a Facebook, sotto moltissimi aspetti.
In più oggi abbiamo esponenti politici di mezzo mondo che lo usano come principale veicolo di comunicazione.
Il loro strapotere è tale che ormai, anche qualora ci sarà un cambiamento nell'utilizzo dei social network, saranno in prima fila (e probabilmente artefici del cambiamento).
Non è fatalismo, ma un'analisi spiccia.

sebbene gli utenti abbiano un qualche peso in queste vicende, la diffusione di nuove tecnologie non avviene mai senza una spinta finanziaria molto forte

@Arancio @andreabrandi @gubi

@gubi @andreabrandi il problema è che nella maggior parte dei casi hanno abbandonato facebook (o manco ci sono mai iscritti) in nome di TikTok 😂

@andreabrandi Sono un utente di mastodon da un' ora (si,lo so,questa verrà ricordata come "l'onda fanelli") e devo dire che come sempre il punto é la facilità di accesso ed utilizzo. il punto dei social commerciali é che c'é tutto. tutto quello che "vogliono loro",certo,ma nessuno deve rompersi la testa perché "ah,ma questo é federato qui ma non là,allora l'account qui...". siamo sempre alla questione linux vs win.

@maxegb vero tutto. E nemmeno immagino migrazioni di massa a breve sui decentralizzati. Anche se vedo molti migrare su Signal dopo che l'ha consigliato Elon Musk (l'ho consigliato per anni restando sempre da solo lol). Però c'è anche un'altra faccia della medaglia. Su Facebook e Twitter c'è tutto, ma c'è anche troppo rumore, troppa pubblicità, troppe distrazioni. Ma chi lo usa il "feed"? Litigi, insulti, fesserie. Meglio gruppi selezionati. Perché, e credo valga sempre, meglio pochi ma buoni.

@andreabrandi vero tutto. un certo grado di "difficoltà all'accesso" scoraggia gli immotivati. ma il problema che "se é facile si riempie di stronzi" é qualcosa che va affrontato. il tuo "sogno" di un social migliore per tutti renderà lo stesso social peggiore per te.

@andreabrandi il problema sta nel convincere tutti i propri contatti personali e professionali a spostarsi altrove. Ci vorrebbe una presa di coscienza generale, ma la vedo dura almeno adesso.

Accedi per partecipare alla conversazione
Mastodon Italia Social

Benvenuto su Mastodon in italiano!

Mastodon.uno è il social italiano generalista, indipendente, etico, libero, gratuito, decentralizzato ed autogestito dalla propria community.

E' la prima istanza generalista in lingua italiana che fa parte della federazione mastodon.

Questa istanza italiana è stata creata per dare uno spazio libero di discussione e condivisione a tutti gli utenti italofoni, sebbene i messaggi possano anche essere scritti in altre lingue, questa istanza di Mastodon è riservata esclusivamente ai soli utenti italofoni.

Benvenuti in una federazione di social dove gli inserzionisti non sono i padroni di casa.

Dove i vostri dati non sono confezionati e venduti.

Dove siete voi, non gli algoritmi, a decidere cosa vedere.

Dove puoi segnalare direttamente agli admin i contenuti ingannevoli.

Dove le azioni tossiche vengono tenute fuori.

Dove ti piace davvero passare il tempo.

Benvenuti sui social come dovrebbero essere.

Benvenuti su mastodon.uno.



Mastodon.uno si autofinanzia esclusivamente con le donazioni degli utenti utilizzando la piattaforma open Liberapay:



Chi siamo e cos'è Mastodon