A un certo punto della vita smetti di fingere su tutto e guardi ogni cosa nella sua reale consistenza.

L’unica cosa che non smetto mai di fare è desiderare, di quei desideri che tolgono il fiato, desideri impressi nella mente che arrivano in ogni parte del mio corpo. Mi piace pensare che sarà sempre così, fino all’ultimo giorno, fino all’ultimo respiro.

Mostra thread

Accettare che in fondo la vita ha ragioni più semplici di quelle che supponiamo, che facciamo parte di un ciclo vitale, dove nasciamo, procreiamo e poi moriamo per fare posto
ad altri individui, è un compito arduo, dover comprendere che il nostro maggiore sforzo si traduce nell’imparare a lasciare andare via è allo stesso tempo orribile nonché difficilissimo. Quindi cosa rimane? Sicuramente tanti frammenti di momenti felici, serenità accarezzate,
profonde consapevolezze.

Mostra thread

Non è chiaro capire cosa ne dobbiamo fare di questa vita, ci viene chiesto di essere felici
mentre la realtà procede per sottrazione, uno spazio sempre più angusto dove continuare a respirare. Scompaiono luoghi, persone, emozioni e noi dobbiamo continuare a rimanere in piedi, continuando a guardare avanti. Sembra evidente che tutto questo possa sopravvivere
solo attraverso un meccanismo di astrazione, consapevoli illusioni, uno sguardo rivolto altrove.

Mostra thread

La difficoltà di attraversare tutto quello che è immobile, tutto quello che non trova risposta. È questo quello che ci viene chiesto di fare, attraversare un luogo senza nessuna mappa precisa, con la presenza di soli riferimenti simbolici.
Per alcuni è solo un atto di fede, per tanti altri questo non può bastare. Pertanto si procede a vista, tra un abbaglio e un altro, tra un tentativo di felicità e stati d’abbandono.

Io mi faccio domande anche con le risposte davanti agli occhi.

Amo quando vedo il mio cane che sdraiato guarda il nulla e dà un battito di coda, perché immagino che è stato attraversato da un pensiero felice.

Vedo finalmente la gente sorridere.
Nonostante tutto.

Le gabbie peggiori sono quelle che costruiamo con le nostre stesse mani.

‪Un pudore nascosto subentra ogni volta che si è tristi, quasi fosse una cosa di cui vergognarsi, una cosa da nascondere. Eppure una certa tristezza è una dichiarazione incondizionata d’amore verso la vita, un modo per dire che la ami ma non hai mai imparato a farlo bene, a farlo senza soffrire.

La vita è fatta di occasioni, opportunità che non sono sempre facili da riconoscere. Del resto è questo quello che fa la differenza, tra chi riesce a scegliere sapendo guardare lontano e chi si lascia abbagliare da un luccichio qualsiasi.

È strana, la notte.
Di notte, tutto appare molto più grande: l'amore, la paura, la povertà, la solitudine, i ricordi.

Sbagliare di per sé non è un problema, lo diventa nel momento che non lo si riconosce.

Un tempo i temporali mi terrorizzavano. Poi ho iniziato a fotografarli.

Alla notte che porta consiglio, ho sempre preferito quella che porta scompiglio.

Siamo attraversati da mancanze, una continua ricerca di vuoti da riempire.

Una leggenda narra che il sole e la luna sono sempre stati innamorati ma che non potrebbero mai stare insieme visto che la luna si alza proprio al tramonto e il sole proprio all’alba. Così Dio nella sua infinita bontà creò l’eclissi come prova che non esiste l’amore impossibile.

Anonimo 🖋

Mostra più vecchi
Mastodon Social Italia

Benvenuto su Mastodon Italia! Qui potete leggere Chi Siamo

Mastodon è un Social Network federato. Ciò significa che nessuna singola entità controlla l'intera rete, piuttosto, come la posta elettronica, i volontari e le organizzazioni gestiscono i propri siti indipendenti nei quali gli utenti possono interagire tra loro anche se registrati in siti differenti. Mastodon.uno è la prima istanza generalista indirizzata ai soli utenti di lingua italiana che fa parte della federazione mastodon e rispetta i principi cardine dei social decentralizzati: indipendenti, etici, liberi, gratuiti e autogestiti dalla propria community.

Questa istanza italiana è stata creata per dare uno spazio libero di condivisione e discussione a tutti gli utenti italofoni, sebbene i messaggi possano anche essere scritti in altre lingue, questa istanza di Mastodon è riservata esclusivamente ai soli utenti italofoni. Se non volete un social network in cui Mark Zuckerberg o un altro CEO miliardario determini cosa potete pubblicare e quali post possano diventare popolari, Mastodon è una buona alternativa. Mastodon è costruito come una versione più etica di Twitter e al momento è il più grande social network decentralizzato.

Mastodon.uno è gestito dal gruppo Gruppo Devol, potete rimanere aggiornati su mastodon iscrivendovi alla Newsletter Devol ed al canale telegram Devol Italia dove verranno pubblicati i comunicati ufficiali.

Mastodon.uno si autofinanzia esclusivamente con le donazioni degli utenti utilizzando la piattaforma open Liberapay:


Benvenuti in una federazione di social dove gli inserzionisti non sono i padroni di casa.

Dove i vostri dati non sono confezionati e venduti.

Dove siete voi, non gli algoritmi, a decidere cosa vedere.

Dove puoi segnalare direttamente agli admin i contenuti ingannevoli.

Dove le azioni tossiche vengono tenute fuori.

Dove ti piace davvero passare il tempo.

Benvenuti sui social come dovrebbero essere.

Benvenuti su mastodon.uno.

Per sostenere mastodon si può anche offrire un caffè al gruppo devol che si occupa della gestione di questa istanza e di molte altre per garantire un futuro più libero e decentralizzato. E' possibile donare un caffè anonimamente senza l'obbligo di creare un account:


Oppure si possono fare donazioni con le criptomonete Bitcoin, Litecoin, Bitcoin Cash, Ethereum, Stellar Lumens, Monero:


Puoi supportare mastodon anche utilizzando il browser Brave, attivandone gli annunci e donando la criptomoneta BAT che puoi accumulare nell'utilizzo di tutti i giorni.


Un motore di ricerca decentralizzato e rispettoso della privacy come presearch può aiutare anche mastodon. Ad ogni ricerca accumulerai la criptomoneta PRE, al raggiungimento di 50 PRE, 25 verranno donati a mastodon se ti iscriverai cliccando qui sotto: presearch

Chi siamo e cos'è Mastodon